Lucky, il gatto soriano è stato abbandonato con del nastro adesivo intorno al muso. Ecco cosa hanno scoperto i volontari che lo hanno trovato.

Lucky il gatto soriano Nicole Paling, la fondatrice di Every Life Matters Cat Rescue di Burlington, nell’Ontario, Canada, stava portando uno dei suoi gatti, Bacci, alla Mountainside Animal Clinic perché aveva dei problemi respiratori. Nicole non immaginava che avrebbe salvato due gatti lo scorso martedì sera.

Anche se la clinica chiudeva alle 18, Paling aveva un pass di accesso che le permetteva di somministrare ossigeno a Bacci quando gli serviva. Mentre entrava nel vialetto della clinica verso le 20:30, Paling vide un trasportino nero lasciato sul marciapiede e si rese presto conto che Bacci non era l’unico gatto che aveva bisogno del suo aiuto quella sera. “Sono corsa verso il trasportino e ho visto un gomitolo di nastro adesivo che si muoveva”, ha detto Paling. “Sono andata in un attacco di panico immediato.” Avvolto dal nastro adesivo che gli copriva tutta la testa era un soriano di 3 anni, che in seguito Nicole chiamò Lucky. Paling chiamò immediatamente il suo fidanzato, Brett Norton, che era a meno di due isolati di distanza, per aiutarla a liberare Lucky. Sembra che Lucky aveva intuito che Paling e Norton erano lì per aiutarlo. Lucky appariva molto disidratato ed era debole e spaventato. Paling in seguito ottenne un filmato che mostrava una persona non identificata che lasciava il trasportino con Lucky dentro alle 19:25 di martedì. La polizia locale sta attualmente indagando.

“Nonostante la crudeltà di cui è stata vittima, è uno dei gatti più affettuosi con cui abbia mai avuto il piacere di lavorare”, ha detto Paling.

 

Lucky ha anche attirato l’attenzione di oltre 100 persone che hanno espresso interesse ad adottarla.

“Qualcuno ha perso un animale meraviglioso e qualcun altro lo otterrà – questo è il positivo di questa vicenda”, ha detto Norton la volontaria di Every Life Matters Cat Rescue“Non sono riusciti a distruggere il suo spirito.”  

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *